Notas de viaje de dos malungos, note di viaggio di due malunghi: Colombia, Italia, India, Nepal, Thailandia, Burma/Myanmar.

Navighiamo.

DSC05714p2Partiamo.

Partiamo in nave.

In nave.

Non c’è nulla che faccia sentire più liberi.

Nulla che dia più euforia da partenza, da salpare, tirare su le ancore i legami le ancore gli ancoraggi e salpare, lasciare il porto.

Partiamo e partiamo in nave.

Onda e onde che fluiscono.

L’Onda.

Che fluisce.

La nostra, che seguiamo.

DSC05719pPartiamo, in nave, e di notte.

Il porto, le sue luci, le case l’approdo, si allontanano.

Il porto si allontana. Accogliente, amato.

Ci saresti rimasto qualche giorno in più, qualche tempo in più, o forse tutta la vita.

Ma ormai la nave ha salpato. Ormai la nave ha lasciato il porto.

Partiamo.

Navighiamo.

La luce alternata del faro si fa più fioca e la sua pulsante sicurezza si fa più lontana.

E’ notte, il mare è nero, nerissimo, enorme, spaventa.

Le stelle sembrano più grandi.

Il mare nero scuro scurissimo spaventa sì un po’, e porta vento di mare, vento di terre, vento da terre lontane, vento di odori e sapori di approdi sconosciuti, di terre da esplorare.

DSC05294pIn mezzo al mare nero.

In mezzo al mare nero non abbiamo nomi.

In mezzo al mare nero non abbiamo forme.

Ti abbraccio, il vento del mare e la sua oscurità ti danno la pelle d’oca.

Ti abbraccio, ridiamo, la tua pelle ha il sapore di vento di mare, di vento nuovo, di vento di terre sconosciute.

Ti abbraccio, e il vento del mare nero ci abbraccia, anche lui Malungo.

Ti abbraccio, e siamo noi quel vento di terre sconosciute di approdi futuri.

Ti abbraccio.

E siamo.

Quel vento.

L.

One response

  1. Paula

    Juntos navegando.

    Descubriendo en el barco uno a uno sus rincones, corriendo de un lado para otro, tomándonos fotos en los espejos del cuarto y del quinto y del sexto y del séptimo, del octavo, y del noveno piso con su cine y en la cartelera Avatar: entramos -y no-:¡Una aventura a bordo: niños llenos de sorpresa!

    También quesos y Arancini de Ballaró, en cambio también unas cuantas frutas y una Kinder Mezzo Metro que te regalé en el salón exclusivo para niños, justo después de ver la sirenita.

    P.

    2 October, 2010 at 5:02 am

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s